Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Poesia

Semplice-mente

Di GasKen - Editato da GasKen
Pubblicato il 06/03/2020

22 Visualizzazioni
10 Voti

La mia testa é in pessimo stato, é il veleno che mi sfama.

Nato in un luogo malato che sbrana, dove l'odio é scontato e iniettato come l'odio per il primo giorno della settimana.

Sei una festa senza sballo, uno sciacallo che mangia ogni bestia, sei una testa che sta in stallo come un'aereo nella tempesta.

C'è chi impara dalla noia e chi sta in paranoia, chi ingoia una pillola amara e chi si prepara per il boia.

Ti adatti ad ogni moda e non superi la soglia, tutti fatti per la droga e per una modella che si spoglia.

Non sono ne disco ne puntina, sono l'energia lungo la linea dei solchi, la verità é come la sveglia la mattina, si fa prima a prenderla a colpi.

La verità é che vorremmo essere sordi, siamo un'anima sola divisa in mille corpi, siamo orchi, siamo morti.

Sono una freccia che va lontano ma imprecisa come i ricordi.

La mente un attimo ti salva, un attimo dopo ipnotizza e non risparmia nulla.

A volte é un'arma, a volte una mamma che ti tranquillizza nella culla.

A volte é un bar man che sa sempre cosa voglio bere, a volte notte, a volte alba, a volte si calma con un bicchiere.

A volte ti riempie, a volte prende, a volte si vende per niente come le puttane.

A volte é uno spettacolo, a volte sono solo tende che impediscono di vedere qualcosa di veramente speciale.

Raramente sono sicuro, quasi sempre dubito, a volte penso solo al presente e a volte il futuro lo voglio subito.

A volte é mossa dal cuore, a volte da un gioco meccanico.

A volte sciopera, a volte opera a mio favore, altre a mio discapito, a volte é un dottore con la cura migliore, a volte sono solo parole rivestite dall'illusione di un abito.

A volte mi fa sentire il calore del sole, a volte il dolore di un fiore che viene tagliato da un botanico.

Mi porta lontano anni luce, a volte sto sul divano mentre lei marcisce, é la stessa mano che ti porta alla luce la stessa che poi ti seppellisce.

A volte prende il volo come un aeroplano, senza un piano, altre volte striscia al suolo come le bisce, a volte non la usiamo e la perdiamo, ma ormai parlo da solo, tanto nessuno mi capisce.

Logo
2059 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (10 voti)
Esordiente
8
Scrittore
2
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large foto0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200907 082706.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Photo

Elina ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large images.jpeg.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1919.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large immagine2.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

DONATO ROSSO ha votato il racconto

Esordiente

Una canzone rap triste che avvolge tutto nel dolore, nella solitudine!Segnala il commento

Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large 54517768 2241498509221642 3598805384250261504 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di GasKen

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Bellevillemilano logo typee
Bellevilleonline logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee