Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Soggetti per il cinema/teatro

SERGIO

Di CLAUDIO - Editato da CLAUDIO DI PIERRO
Pubblicato il 02/07/2021

19 Visualizzazioni
6 Voti

Sergio è un militare adesso, poco prima era un ragazzo come tanti che pensava solo a divertirsi perchè la scuola non gli aveva dato ciò che sperava, in quelle aule aveva visto troppi favoritismi verso i figli di persone "borghesi" che molto spesso andavano a parlare con gli insegnanti mentre lui non aveva nessuno che facesse questo.

Il risultato era che i "borghesi" prendevano voti alti, lui invece veniva sempre redarguito dai professori e prendeva voti bassi, anche se rispondeva a tutte le domande o che .facesse il miglior disegno ortogonale della scuola, lui non eccelleva nei voti.

Finalmente arrivò la maggiore età ma arrivò anche la chiamata alle armi.

Sergio è un militare adesso.

Viene mandato in un Centro Addestramento Reclute per due mesi dove lo indottrinano alla disciplina, l'ordine e l'obbedienza così tanto che la sera, in branda, è convinto che la sua vita sia stata sempre quella. Dormire in grigio verde con il fucile tra le braccia.

Oramai non conosceva altro e non aveva memoria del passato.

Sergio viene mandato al Battaglione dove dovrà trascorrere il resto della naja, viene accolto con insulti e marce notturne sotto la pioggia, ma Sergio oramai è indottrinato e non gli pesa anzi, ogni giorno diventa più cattivo.

Passano i mesi e Sergio è sempre un militare ma con tanti mesi sulle spalle, i superiori quindi diventano malleabili e rivolgono il loro indottrinamento ai nuovi arrivi.

Sergio non è più un militare, ha finito la naja e l'ha finita bene; talmente bene che nella società civile si trova spaesato, non compreso.

Dopo qualche mese invece trova lavoro presso un'agenzia di assicurazioni e si dedica ad imparare a fondo il mestiere, lui ha sempre pensato che le cose vanno fatte bene o non si fanno.

La sua mente però va troppo spesso al bar dell'angolo dove c'è quella morettina con gli occhi celesti, lo fa impazzire e non ha mai preso così tanti caffè in vita sua......è sempre a quel bar.

Arriva il giorno in cui si fa coraggio ed invita Flora, la morettina del bar, ad uscire con lui.....ansia......attesa, poi lei accetta.

Oddio, pensa Sergio, adesso che faccio dove la porto? In un locale per ricconi o in discoteca?

Sergio non se lo aspetta ma è lei che lo prende per mano e lo porta a fare una lunga passeggiata nel centro storico della loro città, parlano, parlano tanto; alla fine della passeggiata si guardano e stupidamente ridono, sì, ridono.

Da quel giorno sono una coppia fissa, il loro motto è: "un abbraccio allunga la vita", ed allora sono sempre abbracciati.

Fanno progetti, lei vorrebbe vivere al mare, lui più materiale pensa di non dover lasciare il lavoro, cosa faccio al mare le dice.

Il tempo passa ma c'è come una bolla indistruttibile intorno a loro che li protegge.

Saranno gli anni più belli della loro vita.

E' estate e decidono di andare a fare un tuffo al mare, si concentrano su cosa portare e partono, per strada si rendono conto di aver dimenticato di portare molte cose.....non importa, loro due insieme sono importanti, solo questo.

Poi, il buio

Attento!! la macchina!! Frenaaaa!!!

Si sentono urla, pianti, lamenti persone che agitano le braccia per fermare le auto, corrono, tornano indietro, lamiere contorte, qualche indumento che vola via dallo scempio...........silenzio.

Sergio si sente male ma non capisce, si gira verso Flora e la vede coperta di sangue, per un attimo gli si ferma il cuore. La attira a se sembra che non è nulla, sembra, forse, oddio non lo sa!

Sente un'ambulanza, non capisce, esce dall'auto e vede un sanitario che lo guarda ma va verso Flora, oddio......

Senza forze vede l'ambulanza che a sirene spente porta via la sua Flora.

Non gli hanno detto niente,

ha solo visto che la portavano via.

Lui pensa solo che ridevano, ridevano e basta.

Logo
3720 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (6 voti)
Esordiente
5
Scrittore
1
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large default

GIULIA ha votato il racconto

Esordiente
Large depositphotos 61883317 stock photo cougar mountain lion puma panther.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Il puma del Sîambù ha votato il racconto

Esordiente
Large dante.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Andrea Trofino ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Il destino è un cieco baro.. Segnala il commento

Large pexels brett sayles 2896889.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zoyd Gravity ha votato il racconto

Esordiente
Large 49199479 758130297888306 1334725198208827392 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large default

di CLAUDIO

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee