Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Sono andato a letto presto

Pubblicato il 02/02/2020

60 Visualizzazioni
17 Voti

Aprì gli occhi, scosso e confuso dal sogno che aveva appena fatto: tre piccioni nutrivano con piccole molliche di pane un uomo anziano e barbuto, in completo elegante, sdraiato supino su una lastra di ghiaccio pericolante.

Si alzò e aprì le tende. Dopo due settimane di pioggia incessante era comparso il sole, e la stanza da letto sembrò diversa, illuminata da quella stessa luce che brillava ai bei tempi, quando sua moglie lo aspettava in cucina per la colazione.

Pensò di chiamare la clinica per sentire la sua voce, ma era troppo presto e comunque non gli avrebbero permesso di parlarle. Forse il suo approccio in questo momento è destabilizzante per sua moglie. Era questa la frase che il medico aveva pronunciato l’ultima volta che era andato a trovarla.

La sua vita, la loro vita, era ferma da dieci anni e gli venivano a parlare di destabilizzazione.

Quante domande senza risposte. Innumerevoli quesiti e nessuna soluzione. Il mondo che era andato avanti: spietato, maleducato, indifferente. Perfino i contatti con gli investigatori della polizia, dopo che le prime indagini sulla scomparsa si erano rivelate un buco nell’acqua, si erano ridotti fino a cessare del tutto.


Fece una doccia e restò in accappatoio. Andò in cucina, preparò il caffè e poggiò la macchinetta sul fornello. Avrebbe potuto dire caffè e un apparecchio di ultima generazione gli avrebbe consegnato entro cinque secondi un caffè perfetto. Ma il sabato mattina non gli piacevano quelle diavolerie, preferiva i vecchi metodi, quelli di quando il tempo che ci voleva per preparare qualcosa te lo gustavi.

Il videocitofono suonò. Andò a controllare; sullo schermo non apparve nessuno. – Sì?

– Papà, sono io.

Era la sua voce, l’avrebbe riconosciuta anche se fosse passata attraverso diecimila chilometri di cavi sottomarini.

Premette il pulsante col groppo in gola.

Dieci anni.

Dieci anni ad aspettare un segno, dietro tracce che non portavano da nessuna parte, nella speranza di trovare un minimo indizio che potesse essere collegato a qualcos’altro. Lui sempre più assente e assorto nei suoi pensieri mentre sua moglie usciva fuori di testa.

E adesso suo figlio era tornato a casa.

Lo aspettò con la porta aperta e la mano sulla maniglia, e quando finalmente lo vide riconobbe la stessa espressione che aveva da bambino, smarrito e un po’ deluso, come se fosse venuto al mondo nell’epoca sbagliata.

– Ciao, papà. – Si levò lo zaino dalle spalle e sorrise. – Che hai fatto in tutti questi anni?

Lo abbracciò per un lungo istante stringendolo forte, coi fotogrammi di tremilaseicento cinquanta giorni affondati nell’odore acre del suo giaccone. Poi lo fece entrare e chiuse la porta.

Logo
2645 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (17 voti)
Esordiente
10
Scrittore
7
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large pexels brett sayles 2896889.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Zoyd Gravity ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Elena_Vere ha votato il racconto

Scrittore

Mi piace il finale molto aperto, ma forse è un po' troppo aperto..? Comunque molto bello.Segnala il commento

Large default

alberto_kassovitz ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20180105 wa0000.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Fanny ha votato il racconto

Esordiente
Large win 20210713 10 57 29 pro.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Messina Giuseppe ha votato il racconto

Esordiente
Large 138319914 3587147738030116 1524317747080685121 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

nadelwrites ha votato il racconto

Scrittore
Large bd177824 d2fb 4a2e a04a 932874cb0846.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Philostrato ha votato il racconto

Scrittore

bella l'idea di narrazione, concordo sul fatto che il finale è un po' bruscoSegnala il commento

Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Molto bella. Lo stupore forte.Segnala il commento

Aoh14gjrmag78hkjcqoaqnabg2burrwlxqbfnbsubad36q=s96 c?sz=200

Graograman ha votato il racconto

Scrittore

Folgorante. Io ci leggo la giovinezza che vive egoista e cieca alle ansie dei genitori. Unico neo: la brevità. Segnala il commento

Large img 20191110 005622 627.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

RoCarver ha votato il racconto

Scrittore
Editor

L'incipit onirico e surreale è molto incisivo, ti prende e ti cattura. Potresti rivedere il finale un po' troppo brusco forse. Bravo!Segnala il commento

Large 20121231 114226.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

LoSteNo ha votato il racconto

Scrittore

Prodigo il figliol, meno il racconto che finisce frettolosamente, diecianni in dieci righe. 3 pallini per i 3 piccioni!Segnala il commento

Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Finale essenziale, focalizzato solo sull'importanza del ritorno, che annulla ogni bisogno di spiegazione. Piaciuto.Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore
Large img 1371.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Federico D. Fellini ha votato il racconto

Scrittore
Large marco1.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di BULLET

Scrittore
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work