Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Tabù e marmellate

Pubblicato il 01/06/2022

Sapori e dissapori all'interno di un barattolo. Anzi, di molti. Lo ripubblico, perché tu possa fartene una ragione, e smetterla di non fare colazione con me, accampando le scuse più varie.

47 Visualizzazioni
10 Voti



Il problema delle marmellate è quando finiscono. 

Ma non perché finiscono, e poi devo ricomprarle, bensì per le riflessioni verso cui mi conducono, inevitabilmente. Vedere tanti barattoli di vetro - ognuno con un livello diverso di marmellata residua - mi porta sempre a fare il punto della nostra relazione, perché di relazione si tratta, a questo punto.

Ogni volta che apro il frigorifero stanno lì, impettite, tutte in prima fila, che mi guardano, colorate e tentatrici.

E certe volte si muovono, perfino, come se volessero farsi avanti, o ritrarsi. 

Non l'ho ancora capito. 

Dapprima pensavo che fosse la porta del frigorifero, a spostarle, col suo movimento di apertura. Ma succede anche quando la porta rimane aperta: me ne sto lì, imbambolato, piegato verso di loro, per capire quale scegliere, e poi capita che sento uno stridìo vitreo:  uno "Tic strick" che spesso continua, per alcuni secondi, assumendo varie forme sonore: "Strik tic...  striiik... tiiic... tic tic... strik... " finché non prendo un barattolo in mano. Allora tutto si placa, le altre marmellate accettano la mia scelta, di buon grado, e si ricompongono.

Poi spalmo la prescelta sul pane, quasi sempre tostato, e comincio la giornata nel migliore dei modi. 

Così sono diventate il mio piccolo harem, le marmellate, e io un sultano crucco, che si delizia coi loro sapori, sempre diversi e appaganti.

In questo momento ho una relazione saltuaria con nove marmellate diverse, più una: lampone, fragoline di bosco, ribes rosso, sambuco, bergamotto, mandarino, fico d'india, albicocca, pesca. E poi la marmellata di fichi e limone, la più sorprendente, per certi versi. 

Idealmente, sarei portato a farne un uso bilanciato, equo, quasi democratico, ma poi finisce sempre che ne preferisco alcune, a detrimento di altre, in base agli umori del risveglio.


Dopo una dormita soddisfacente, tendo verso i frutti di bosco, più sottili e mitteleuropei, adatti a stimolare le sinapsi più impensate, ma sempre sobrie, condotte lungo il filo della ragione. Se invece ho fatto dei sogni strani, mi rivolgo agli agrumi, che mi aiutano a sbrogliarli, con quell'aciditá residua, corroborante e rabdomantica, a suo modo. Quando poi ho dormito male, sono sempre indeciso tra il fico d'india, l'albicocca e la pesca, per compensare il malumore. Il fico d'india è medio orientale, sa di sole sabbioso e mare azzurro, appena salino. L'albicocca mi sorprende, con quella dolcezza acuta e la consistenza della sua buccia, quasi croccante, come un capezzolo non troppo maturo, mentre  la pesca è diversamente dolce, ha un sapore di labbra morbide che ti si sciolgono in bocca, succose di voglia.

E poi c'è la marmellata di fico e limone, malandrina, con quella sua dolcezza esuberante e assai carnale, moderata però dalla buccia di limone, che riesce a contenerla, cosicché nessuna delle due prenda il sopravvento. E un po' l'asso nella manica, il jolly delle marmellate, quel gusto che risolve, quando non sai come risolvere. 


Tutto questo me lo ricordo perché prendo appunti, annotando scrupolosamente le sensazioni che ogni marmellata mi trasmette.

Ormai non ho più problemi, con le marmellate, tanto che sto pensando allo step successivo: in poche parole, ho deciso di invitare qualche ragazza a colazione, per un primo pasto come si deve. 

Mi sembra una buona idea, perché ho passato anni a invitarle a cena, a pranzo, e perfino a merenda, le ragazze, ma non ha mai funzionato. C'era sempre qualcosa che si metteva di traverso, un'insoddisfazione bilaterale che minava ogni relazione sul nascere: una parola inadatta al momento, un momento inadatto a quelle parole, un silenzio inopportuno proprio quando le parole avrebbero potuto fare la differenza, troppe parole in un momento troppo intimo, per essere commentato. 

Ma la colazione è un'altra cosa, rappresenta un momento delicato nell'economia esistenziale quotidiana, un punto di partenza dal quale possiamo salpare col vento in poppa, se scegliamo la marmellata giusta. 


Stamattina ho finito la marmellata di bergamotto, perché avevo sognato mia madre. 

Mi raccontava sempre di quando, in tempo di guerra, ad Amburgo, era uso comune versare un pò d'acqua di rubinetto nel  barattolo pressoché vuoto della marmellata, rimettere il coperchio,  e poi agitarlo, energicamente, per ottenere una "Marmeladenwasser"  (acqua di marmellata) molto simile a un succo di frutta, e molto apprezzata dai bambini di allora.

Lo psicanalista sostiene che nostra madre è la prima donna che impariamo a conoscere, e sulla quale si modella una buona parte di ciò che cerchiamo, noi maschietti, in una donna. Oppure finisce che cerchiamo il contrario, per non dover uccidere nostro padre, nei ricordi. 


Però ho finito anche quella di fico d'india, alla quale non ho resistito, per raddrizzare la mattinata. Ma c'è sempre la marmellata al fico e limone, quella malandrina, che risolve, quando non sai come risolvere. Vivaddio.




Logo
4897 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (10 voti)
Esordiente
6
Scrittore
4
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large ez27 277678995 10224295234402071 3440311918073166286 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

rabarbaro ? da provare :)Segnala il commento

Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore

Goloso Segnala il commento

Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore

Mirabile.Segnala il commento

Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large 9915c599 2b93 4177 8e6c 71376ef3be6f.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paola Zaldera ha votato il racconto

Esordiente

Riesci a rendere poetico anche il cibo!Segnala il commento

Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

E io che non vado mai oltre a quella di albicocche!!! Ma cosa mi sono perso!!! :-))) Segnala il commento

Large 2707610f 03de 45d4 972b 7f6d33a43ad5.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Sei troppo curioso per sceglierne solo una e le ragazze poi … ops… Volevo dire le marmellate ci restano male:)) Segnala il commento

Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large pp.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Bruno Gais ha votato il racconto

Esordiente

E' un onore aver pubblicato un racconto simultaneamente al tuo.Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Franco 58

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work