Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Terra promessa

Pubblicato il 17/05/2020

27 Visualizzazioni
17 Voti

Aveva vissuto la maggior parte della sua vita dove pioveva ogni due anni, quando andava bene.

Vedeva ancora la terra bianca, squarciata dalle crepe provocate dal caldo e dalla siccità e sua madre che camminava scalza su quel forno per andare al pozzo più vicino.

Una vita a smaniare per un po’ d’acqua e ora ne aveva abbastanza da affogare.

Erano ormai passate più di 24 ore da quando il barcone si era rovesciato e lui era ancora vivo solo grazie ad una panca di legno che lo aveva mantenuto a galla.

Era caduto in mare confuso in una massa informe di disgraziati come lui, ma lui non sapeva nuotare ed era andato a fondo come un mattone.

Lo aveva salvato l’istinto, si era messo a spingere, sbracciare, sgomitare, spintonare qualsiasi cosa si trovasse tra lui e quella luce che intravedeva appena sopra l’acqua.

Poi, raggiunta l’aria, aveva respirato a pieni polmoni, come se fosse nato una seconda volta, con la stessa inaspettata sorpresa. E come allora, dopo un istante, aveva iniziato a piangere.

Si era aggrappato a quella panca deciso a difenderla con tutte le forze, ma nessuno si era avvicinato per portagliela via. Durante la notte aveva sentito la voce di altri naufraghi che si lamentavano in una babele di lingue diverse probabilmente invocando la propria madre o maledendo la propria sorte.

L’alba del giorno dopo gli aveva regalato un mare piatto come l’olio. Lo sguardo poteva spaziare per chilometri. Acqua e ancora acqua, nessun segno di terra o barche.

Chissà in che direzione era l’Italia. Era scappato da fame, guerra, siccità, fatica e carestia. 

Tutti buoni motivi, ma che tanta gente in Africa sopporta. Avrebbe potuto sopportare anche lui.

E poi sapeva bene che in Europa sarebbe stato difficile.

In realtà lui se n'era andato per la rabbia. Quella che lo prendeva ogni tanto e gli annebbiava la vista.

Sapeva che in Africa questo lo avrebbe portato a farsi ammazzare o a diventare uno di loro. Uno di quelli che tagliano le teste, uno di quelli che aveva ucciso sua madre.

Doveva cambiare aria e così era partito verso la terra promessa.

Non aveva pensato alla possibilità di perdere la vita, ma ora, sballottato dalle onde, non era più convinto che la sua valesse così poco.

Non riusciva nemmeno più a pregare in quell’inferno di sale che gli seccava la gola. O più probabilmente non aveva mai saputo pregare ed era scorretto che cominciasse ora.

Un tempo, quando avevano racimolato abbastanza soldi, sua madre lo portava al mercato in città.

Lui ricordava ancora gli aromi delle spezie, la puzza degli animali e della folla, i colori sgargianti delle stoffe e degli ombrelloni che coprivano le bancarelle, le urla dei mercanti per attirare i clienti, le trattative infinite davanti alle merci.

Amava quel posto pieno di vita e ricordava come quel mercato contenesse tutto quello che un bambino potesse anche solo immaginare.

Così, durante il viaggio, aveva immaginato la Sicilia come un grandissimo mercato pieno di colori, odori e persone che ti chiamavano per mostrarti le loro merci.

Non era un ingenuo e lo sapeva che non sarebbe stato così, ma non riusciva a cancellare quell’immagine arcobaleno dalla sua mente.

Eppure, intorno a lui, solo il blu salato del mare, l’azzurro sbiadito del cielo, il bianco accecante del sole, il nero sfocato della notte.

Resistette più di quanto avrebbe immaginato poi, finalmente, venne premiato.

Le sue palpebre non erano più incrostate di sale e lui riuscì ad aprirle senza sforzo. 

Guardò davanti a sé e finalmente vide le stoffe colorate agitarsi al vento e i venditori chiamarlo.

Ruotò il capo e vide, in fondo, vicino ai venditori di spezie, sua madre che lo invitava a raggiungerlo scuotendo la mano.

I suoi occhi sorridevano. 

Logo
3681 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (17 voti)
Esordiente
14
Scrittore
3
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large whatsapp image 2022 04 02 at 13.44.08.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

La trama ricorda "Non dirmi che hai paura" di Catozzella. Tuttavia sei riuscito a scrivere un buon brano. Hai stile, e questo è indubbio.Segnala il commento

Large win 20210713 10 57 29 pro.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Messina Giuseppe ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20191110 005622 627.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

RoCarver ha votato il racconto

Scrittore
Editor

Benvenuto su Typee! Il tuo racconto è scritto molto bene a mio avviso, il finale forse non mi convince molto. Molto bella l'immagine "Le sue palpebre non erano più incrostate di sale".Segnala il commento

Large default

Anonimo ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large screenshot 20191127 092728.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

AL.PE ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large screenshot 20221107 000309 samsung internet.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Aaue7mczxevud7mmtod10ctjdeqrojbibkihyxmkzkkkmq=s50?sz=200

LadyEffe ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large 20220806 144353.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Helenas ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210422 011503.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large 910dc58f c51d 4d5c 932c a9b686be34e1.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

La speranza :)Segnala il commento

Large 7b46ed85 4004 4f09 b544 86323d274390.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Intanto benvenuto! Uno stile bello scorrevole. Un soggetto di cui non si scriverà mai abbastanza. La trama, anche se capisco le difficoltà delle 5000 battute, secondo me potrebbe essere arricchita. Però è bello questo attaccarsi ai colori. Segnala il commento

Large ctcvb sakura 2 e1489417088710.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

白い騎士 ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210609 134726.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large unam.jpg f detail 558 h 720 w 1280  p f h w a5d6741.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Santiago66

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work