Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Autobiografia

Terre e banchi

Di ipa
Pubblicato il 14/05/2020

Teniamo lontani dai banchi generazioni di bambini e ragazzi perché non sono sicuri. Racconto di quando i banchi potevano salvare qualche vita...

130 Visualizzazioni
42 Voti

Mario viveva in una masseria nata ai margini del paese. Attraverso un sentiero, in mezzo a terre coltivate per lo più a pomodori d’estate e patate d’inverno, si arrivava sulla strada principale che conduceva alla piazza del paese. In mezzo alla piazza c’era la scuola elementare.

Quasi cinque chilometri per andare e tornare. Ai piedi, sempre le stesse scarpe per tutte le stagioni. Mario partiva insieme a fratelli e cugini, sempre qualche passo avanti per i tanti pensieri in testa che lo facevano andare veloce.

Nelle giornate di lavoro più inteso il padre lo tratteneva a casa. Il lavoro nei campi veniva sempre prima. La scuola era per i tempi persi tra la semina e il raccolto.

Non riusciva a sottrarsi a quest’imposizione. Covava rabbia e voglia di vendetta, come la chioccia cova i suoi pulcini che spesso si fermava a guardare con gli occhi lucidi, cercando di nascondere agli altri e soprattutto a sé stesso quello strano calore che sentiva nascere .

Mario ubbidiva. Per quello fece i cinque anni delle elementari in sette anni.

A dieci anni era in quinta elementare. L’anno scolastico era entrato nell’ultimo mese, il padre lo stava tenendo a casa perché quell’anno i fagiolini avevano avuto una stagione lunga e ce n’erano ancora tanti da raccogliere tutti i giorni e i prezzi erano buoni per venderli. A Mario, il cuore si stringeva di tristezza e frustrazione. Cercava negli occhi della mamma una sponda a cui appigliarsi, perché da solo non poteva far cambiare idea al padre. Lei però si girava sempre da un’altra parte.

Un pomeriggio il maestro si presentò a casa loro. Volle parlare con il padre di Mario, gli disse che era un peccato che facesse così tante assenze, che era portato per gli studi, per la matematica in particolare.

Il padre di Mario, gli occhi bassi su un bicchiere di vino rosso che continuava a rimboccare da una brocca di terracotta, disse al maestro che ne era contento così i conti di casa sarebbero finalmente tornati, visto che si faceva molta fatica a farli quadrare.

Mario rimase tutto il tempo sull’uscio della cucina; non se l’aspettava che il maestro sarebbe venuto fino a casa loro. Si sentiva la faccia in fiamme per l’emozione di sentirsi considerato. Sentì anche una fitta su una guancia, si portò la mano nel punto in cui bruciava e immaginò dove si sarebbe abbattuta la furia di suo padre dopo. Se la sarebbe presa con lui per quella visita, l’avrebbe incolpato di aver chiesto al maestro di venire in suo aiuto. Anche se lui non aveva fatto niente.

Il maestro uscì. Gli disse sconfortato, ‘ Mi dispiace Mario… posso solo farti bocciare ancora, almeno potrai fare un anno in più a scuola’. Questa seconda parte la disse sottovoce, e poi andò via.

Mario sentì la tendina scacciamosche, fatta di tante strisce colorate, muoversi tutto a un tratto.

Il padre aveva il viso trasformato dalla rabbia. ‘E’ stata tua l’idea, signorino matematico?’ sprezzo e derisione nel suo tono. ‘Che l’hai fatto venire a fare?’, aggiunse. Mosse il braccio per spostare da sé quella furia che gli si era annidata in tutto il corpo. Mario chiuse gli occhi, e aspettò puntando i piedi, perché questa volta non voleva dargli la soddisfazione di farsi buttare per terra. E, mentre rinforzava i polpacci e bilanciava i fianchi per reggere l’onda d’urto, gli venne in mente che un anno in più a scuola era la cosa migliore che gli potesse capitare.

Gli venne un moto di gioia e si decise ad aprire gli occhi. La mano del padre era ferma come se si stesse toccando i capelli. Mario lì per lì non capì. Poi vide che dietro il padre c’era la madre che gli stava tenendo ferma la mano.

Il maestro mantenne la promessa e lo bocciò, facendogli ripetere l’ultimo anno.

Mario prese la licenza elementare a undici anni perché era il più bravo della classe e il maestro non riuscì a trattenerlo un altro anno, anche se avrebbe voluto perché sapeva che Mario con quel padre che si ritrovava i banchi di scuola non li avrebbe più frequentati.

Cosentino Mario nato a Taverniate, frazione di Casavola, provincia di Napoli. 82 anni. Titolo di studio: licenza elementare.

Mio padre.

Logo
4085 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (42 voti)
Esordiente
32
Scrittore
9
Autore
0
Scuola
1
Belleville
0

Voti della scuola

Large 04 14 2020 lscl profilo utente.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Federico Baccomo ha votato il racconto

Scuola

La frase finale regala un gran significato al testo. Ma si potrebbe anche farne a meno, cercando di dare forza al testo in sé. La storia raccontata ha tutta l’intensità di cui abbiamo bisogno (e se vogliamo parlare in termini teorici, ha tutti i conflitti che possiamo desiderare), è su questa intensità che dobbiamo lavorare, tirando fuori i personaggi, la lingua. Se riusciamo a farlo, potremo evitare di appoggiarci all’autobiografia, che può sembrare quasi una limitazione a una storia che invece ha il respiro dell’universalità, considerati quanti sono stati i bambini nelle stesse situazioni. Penso a una canzone come Van Loon di Guccini, che racconta una storia simile e speculare, e quella universalità arriva.Segnala il commento

Commenti degli utenti

Large 30171222 10213201699611638 5108754746813683842 o.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Biodegradavide ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Maurizio Ferriteno ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Lerio ha votato il racconto

Esordiente

Viva la scuola, viva l'avanguardia della civiltà. Diritto alla salute e diritto all'istruzione andrebbero tutelati assieme. Senza l'uno non c'è l'altra.Segnala il commento

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Elena Lamperti ha votato il racconto

Esordiente

Davvero un bellissimo racconto. L'arrivo del maestro non me l'aspettavo. Ma il finale un colpo dritto al cuore.Segnala il commento

Photo

Ele Nina ha votato il racconto

Esordiente
Large lord ganesh wallpaper.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Fiorenzo ha votato il racconto

Scrittore

Il racconto mi è piaciuto. Ha buoni tempi, l'arrivo del maestro è inaspettato e crea una bella svuolta narravita. Se mi posso permettere, e in spirito costruttivo: è la storia di tuo padre, e ovviamente l'hai voluta riportare come era. Se non fosse stato così, avrei cercato forse un finale più drammatico. Bravo comunque.Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 05 23 at 21.38.14.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Stefano Adesso ha votato il racconto

Esordiente

Bello! Mio nonno aveva una storia molto simile. Anche se personalmente ho trovato il passaggio della mano bloccata dalla madre un po' retorico, avrei cercato un'altra soluzione. Gran finale: i titoli di studio sono burocrazia, dentro ci sono storie e persone.Segnala il commento

Large 44723295 1854943194583921 2969193831838253056 o.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

nadelwrites ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2020 05 01 at 18.57.02.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Esordiente

Anche per mio padre e per tutti quelli che sentivano ancora i morsi della guerra "la scuola era per i tempi persi". Segnala il commento

Large foto0001.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200519 wa0014.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Lisa M. ha votato il racconto

Esordiente

Scritto con semplicità ma commovente, arriva. Bello, davvero.Segnala il commento

Large fe6b1cd28bd545eb317f64ab5c6f29da.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

AmbrA ha votato il racconto

Esordiente

Nella mia famiglia c'è una storia simile, mio padre. Mi ha portato alla memoria tante cose, ma sopratutto una sensazione struggente. Scorre bene, è fluido e la chiusura finale è davvero giusta.Segnala il commento

Large whatsapp image 2019 04 20 at 16.57.14.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Verde Evgraf ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200226 075137 754.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

paroleemusica ha votato il racconto

Esordiente

Grazie per aver condiviso. È un racconto bellissimo, una dedica struggente. Segnala il commento

Large default

Chiedi di me ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore
Large img1.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

palu ha votato il racconto

Esordiente

Davvero bello, l'ho letto con grande piacere. Sollecita in modo nostalgico un pensiero: che veniamo dal quella storia lì, e instilla il dubbio che da quella storia non vi siamo mai usciti davvero, se pure oggi i titoli di studio sono altri (e alti), ma pure le attese socialmente ingiunte alle nuove generazioni di gentori e conseguentemente ai loro figli Segnala il commento

Large img 20180714 173951889.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Andrea Bertorelle ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Bruno Leri ha votato il racconto

Esordiente

Grazie mille per aver condivisto questo bellissimo racconto. Con questo finale incisivo e inatteso ne hai allargato la prospettiva e, in pochissime parole, hai obbligato il lettore a ridefinire la sua interpretazione. Non vedo l’ora di leggere gli altri tuoi racconti 😊Segnala il commento

Large aef1279e 3569 4d57 bd84 489222bbd0ab.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Roberta Spagnoli ha votato il racconto

Scrittore
Large default

Chiara Aliprandi ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20191015 225536.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Rosnikant ha votato il racconto

Scrittore

Una dedica bellissima e commovente! Segnala il commento

Aaue7mczxevud7mmtod10ctjdeqrojbibkihyxmkzkkkmq=s50?sz=200

LadyEffe ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Complimenti, molto emozionante :)Segnala il commento

Large img 1431.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore

Molto bello. Lo stile lineare rende ancora più elementari le logiche delle civiltà contadine. Toccante il finale, lapidario Segnala il commento

Large aquila2.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Vinantal ha votato il racconto

Scrittore

Ben costruito e scritto, mi é piaciuto. La figura di tuo nonno, davanti al maestro, é tratteggiata con vera bravura: leggendo me lo sono visto davanti in corpo e spirito. Avrei risolto diversamente qualche metafora, ma é questione di gusti.Segnala il commento

Large grafica youtube.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Sira ha votato il racconto

Esordiente
Large ca04ca8a 66b4 434e 8acd 0fdd3095f1aa.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Laura Chiapuzzi ha votato il racconto

Scrittore

Concordo con tutto ciò che è stato detto nei commenti precedenti, quindi aggiungo solo i miei complimenti.Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Esordiente

Molto bello. Il soggetto, l'omaggio, e tua mamma - bellissima.Segnala il commento

Large 20190710 115436.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Un bellissimo soggetto, e una narrazione commovente, intensa e concreta: l'idea del maestro di tuo padre, di fargli ripetere gli anni scolastici, perché potesse continuare a frequentare la scuola... la trovo geniale, nella sua semplicità. Altrettanto bella, la tua idea di aggiungere il nome di tuo padre, e il suo luogo natio... l'omaggio di un figlio alla storia di suo padre.Segnala il commento

Large img 20200514 wa0001.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Howl ha votato il racconto

Scrittore

Bellissimo!Segnala il commento

Large fe56eba9 f5e4 4560 b55d af59cbbf8b75.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ondina ha votato il racconto

Esordiente

Che bello. Segnala il commento

Large img 1371.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Federico D. Fellini ha votato il racconto

Scrittore
Large foto rocio marian ciraldo.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

RoCarver ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Bellissimo!!! L'immagine della madre che trattiene la mano del padre è fortissima, ti rimane impressa. Il finale poi, è commovente. Complimenti!Segnala il commento

Large img 1919.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large dada.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large img 20200326 wa0003.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Helena ha votato il racconto

Esordiente
Large 7798ce85dc1bfd3dfebf2bb32e6862b7 avatar 200x200.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Pennina bianca ha votato il racconto

Esordiente
Large images.jpeg.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente

Bello e toccante :)Segnala il commento

Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large teomondo thumb.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Teomondo ha votato il racconto

Esordiente
Large ....jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di ipa

Esordiente