Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Ti devo parlare

Pubblicato il 17/06/2022

82 Visualizzazioni
11 Voti

Antonio si era alzato, perchè questa notte il caldo era insopportabile. Giusi lo aveva seguito in cucina.

" Che c'è?", le aveva detto lui.

" Niente". Lei aveva sbuffato, come al solito, e poi aveva iniziato a rollarsi una sigaretta.

Sarebbe stata la sera giusta per confessargli che lo aveva tradito, tanti anni prima, con uno di cui si era innamorata davvero. Aveva anche pensato di lasciarlo, non ci fosse stato Andrea. Ora che era vecchio, dopo l'infarto e l'uccello che non gli tirava più. Una bella rivincita sarebbe stata.

Lui aveva aperto il frigo e si era versato un bicchiere di vino. 

"Non riesco a dormire", aveva detto. 

" Andrea vuole lasciare Noemi", aveva risposto lei, facendo stridere la ruota zigrinata dell'accendino col pollice.

" Cosa? Adesso? Dopo che ci siamo indebitati fino al collo per la casa nuova, i mobili e tutto il resto?". Urlava Antonio in mezzo alla notte, la faccia illuminata solo dalla luce del frigo.

" Pure sta porta del cazzo non abbiamo aggiustato, per comperare a lui tutto nuovo". Sbraitava, mentre tirava su la maniglia, perché rimanesse chiuso alla bell'e meglio. Diana lo aveva raggiunto zoppicando e si era accovacciata sui suoi piedi caldi. 

"Pure sto cane di merda, ci ha lasciato, perché non aveva tempo di stargli appresso per la fretta di cercare casa!". Diana era andata verso Giusi che le aveva accarezzato il pelo al contrario, come piaceva a lei.

" Cosa urli?", aveva gridato Giusi " Son ragazzi. È successo a tutti di cambiare idea. Di innamorarsi di qualcun altro".

"Ah, il problema è la fregna? A me no, non è mai successo. Perché a te, si? Figlio tuo è!". Mentiva. 

Aveva gridato lui, così tanto, che lei aveva visto le vene del suo collo farsi gonfie, come quella volta dell'infarto. Ed allora si' che lei avrebbe potuto infierire e dirgli che Andrea per fortuna era solo tutto suo e non assomigliava per niente a suo padre, che non era lui. Che le doveva essere grato, eccome, di avere un figlio e una moglie che lo sopportava nelle notti più calde d'estate, mentre si sarebbe meritato di essere solo come i cani, per l'uomo di merda che era stato.

"Domani ci parlo io", aveva detto lei, sbuffando una nuvola di fumo.

" E che gli dici? Cosa? Che non abbiamo i soldi per mangiare e non glielo diciamo al signorino?". Non aveva smesso Antonio, finché avevano bussato alla porta.

E allora aveva sussurrato:" Chi minchia e' a quest'ora?" E si era calmato di colpo e aveva aperto la porta di casa.

" Signora Anna, buonasera! Dite, dite!". La donna era sullo zerbino in vestaglia e ciabatte.

" Scusa Signor Antonio, ma ti ho sentito gridare. È notte. Tutto bene?", aveva detto la donna, guardando dentro.

Giusi l'aveva salutata con un cenno della mano, mentre fumava pure il filtro, pur di non alzarsi.

" Ma si, scusate. Cose di famiglia. Di poco conto. Fa caldo. Rende nervosi. Volete un po' di vino? Per dormire meglio, dico". E aveva cercato di sorridere Antonio, perché quella vecchia megera non aspettava altro che sapere i fattacci di tutti per raccontarli. 

" No, grazie. Vado. Mi raccomando, parli piano, che qui c'è gente che lavora", le aveva detto lei. E lui si era incazzato perché sembrava che volesse sottolineare che gli invalidi se lo grattassero tutto il giorno. Solo lui sapeva cosa volesse dire mantenersi con la minima e la moglie che andava a pulire le case degli altri.

" Andrea è passato al tempo indeterminato. Non ha più bisogno delle nostre cambiali", aveva detto Giusi, mentre aveva schiacciato il mozzicone nel posacenere colmo.

Mentre ora Antonio taceva. Solo gli si erano appesi due lacrimoni grandi.

Logo
3565 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (11 voti)
Esordiente
11
Scrittore
0
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large 98f662d3 1d06 41c8 a9a2 b3d398111485.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Anch’io ho trovato il soggetto interessante, ma sembra come tu lo abbia scritto di fretta o con una sorta di ansia. Segnala il commento

Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Aoh14gjaydde0xx0klmdn8xav1mkmg25dbcq0nyke6jl=s96 c?sz=200

Signor Fabiani ha votato il racconto

Esordiente
Editor

Hai commesso tutti gli errori di scrittura possibili. Ma proprio tutti, tutti, tutti. Non ne hai saltato nemmeno uno. Un po’ come fare “0” al Totocalcio, si sarebbe detto una volta. :)Segnala il commento

Aatxajxbmwx0t vape40mgr7hl yzley y2gc2xcsl2a=s96 c?sz=200

Isabella Ross ha votato il racconto

Esordiente

Sconsolato ma verace Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Aoh14ghve8whcrfv j9nr6dcbpffggb 8lb5oo1lpy7i=s96 c?sz=200

Giuliano ha votato il racconto

Esordiente

Ho trovato il soggetto interessante; personalmente avrei perso più tempo nella cura dei dettagli e dei dialoghi.Segnala il commento

Large img 20220509 wa0004.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Anacleto ha votato il racconto

Esordiente

Migliorabile, specie il finale che mi piace poco : " Solo gli si erano appesi due lacrimoni grandi."Segnala il commento

Large nyogen.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Nyogen ha votato il racconto

Esordiente
Large fefed82b 81a3 41d5 a994 9656e9960814.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paola Zaldera ha votato il racconto

Esordiente
Large fb img 1455357798620.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Hollyy

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work