Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Noir

Trucidata nella notte

Pubblicato il 13/03/2021

Non potete mai immaginare chi si cela dietro un assassinio

26 Visualizzazioni
14 Voti

La regia ci avverte che in questa scena non morirà nessuno. La regia si chiama Federica Scassius, di origini argentine con gli occhi strabici, bionda con la ricrescita scura, riccia mentre sposta la lunga capigliatura allo specchio per guardare il morso del suo nuovo compagno della sera prima. Un morso dato quasi come quello di un cane e le donne amano gli animali di ogni tipo. Intanto si sta preparando la scena sul palco con lo sfondo verde che serve dopo per immettere lo sfondo virtuale che darà vita al film.

Un uomo seduto su un enorme pietra si tiene appoggiato il mento sul polso della mano e guarda verso il vuoto orizzonte con aria afflitta e truce, depresso ma profondo, triste ma riflessivo.

“Nessuno può uccidermi, nemmeno la vita.” Si alza ed estrae di scatto una spada finta e scintillante di bronzo verso l’occhio della telecamera ed impreca: “E se sarò costretto a farlo, ucciderò anche voi tutti”, con gli occhi spiritati e il sudore gocciolante sulla fronte.

Il gatto nell’angolo intanto miagola e il cameraman è già al sesto caffé. Stop, ciak, si chiude la scena, cala un velo nero all’improvviso con sopra una scritta gialla “BEVI PAGLIERINA!”.

La regista intanto uscita dal set si dirige verso casa con una strana aria circospetta e si concentra su quello che ha davanti anche perché non può fare altrimenti. Gli incroci per lei sono un ostacolo da decifrare più che da attraversare. Raggiunge la casa, apre la porta con gran fretta e si butta subito dietro la stessa porta ansimando forte come se non riuscisse a respirare. La stanza è buia, c’è solo una lieve luce provenire da una tapparella. Ansima e scende scivolando con la schiena fino a sedersi per terra, fissa oltre, fissa la tapparella. Cerca di riprendersi ma quando si tocca il collo si accorge che è bagnato, si porta la mano agli occhi, è sangue. Ha di nuovo le palpitazioni e corre in bagno, accende la luce al neon che scatta, si guarda allo specchio impaurita e vede ciò che non avrebbe mai voluto vedere.

Il cameraman è all’ottavo caffè ed è quasi mezzanotte. A mezzanotte dicono che i vampiri si alzino e le mutande si abbassino. E’ un detto popolare della cittadina di Arocca in provincia di Chietilli. I vampiri ovviamente sono quelli rimasti single e le mutande che si abbassano sono quelle delle prostitute. Alle mogli, dopo la mezzanotte è vietato fare ogni cosa se non dormire. Sono le leggi che rendono importante un paese. Ricordatevi delle leggi, altrimenti c'è la pena di morte per impiccagione. Bisogna rispettare la Legge. 

Il nuovo compagno di Federica sta salendo le scale, lentamente, passo dopo passo. Fa rumore ma è un rumore sordo, si avvertono più che altro le vibrazioni. Bisogna fare attenzione quando cammina Igor. Igor adesso è allo stesso piano di Federica e si avvicina lentamente, molto lentamente alla porta. Cerca di guardare appoggiandosi completamente verso lo spioncino, fa una strana smorfia, sembra mordersi la lingua. 

Fuori piove, le finestre si bagnano umide, le strade vengono inondate di acqua. Il cielo si riempie di luci che lampeggiano come se ci fosse un allarme in corso che viene segnalato.

L’attore è andato in un Club a luci rosse per diversamente sessuali e balla da solo quasi nudo in mezzo alla pista. C’è solo lui.
Si è portato la spada di bronzo che brandisce ubriaco verso le luci e dice ancora: “E se sarò costretto a farlo, ucciderò anche voi tutti!” .
I mini slip color fucsia gli danno una strana aria infernale. 

Federica riprende fiato, ingoia una compressa di Vicodin e in pochi secondi si sente rilassata, va in salotto, si toglie i vestiti mentre il nuovo compagno cerca di guardare dallo spioncino. Ha proprio voglia questa sera. Il collo di Federica sanguina ancora ma non ci fa più caso dopo l’effetto del Vicodin. Si siede sul divano e accende la TV, danno “Via col vento”. Rossella O'Hara sta indossando l'abito verde smeraldo.
Federica si stringe le ginocchia verso il mento, ha un leggero tremito di freddo.

Fuori smette di piovere ma il fiume lì vicino scorre furioso. 

Federica nonostante l'aria fredda continua a togliersi i vestiti, inizia a lasciar andare il reggiseno fantasticando. I suoi occhi strabici hanno un nonsochè di estremamente sensuale ed erotico. Una mano le scivola sui capezzoli. 

Igor non resiste più e decide di entrare con impeto andando a sbattere contro la porta per un ingresso a sorpresa, per prenderla quando lei è più indifesa che mai, con la pelle nuda, vibrante e a contatto con l’aria.

Passano alcuni secondi di confusione e delirio. Si apre un boato. 

Igor adesso si trova sopra Federica ed il peggio è accaduto. La porta è stata distrutta, stralci di polvere e pezzi di legno sul pavimento. Strascichi di immondizia.

Federica si lascia leccare volentieri dal suo nuovo compagno, grosso e ingombrante ma un gran bel cagnolone.
I cocker spaniel non risparmiano nessuno.

Logo
4859 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (14 voti)
Esordiente
13
Scrittore
1
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Photo

Boiler Durden ha votato il racconto

Esordiente

Bellissimo! Segnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente
Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore

Ottima. Un'atmosfera intensa, surreale, da incubo.Segnala il commento

Aatxajxbmwx0t vape40mgr7hl yzley y2gc2xcsl2a=s50 mo?sz=200

Isabella☆ ha votato il racconto

Esordiente
Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

noir umoristico! Carino Segnala il commento

Large img 1919.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large drouk12176 rectangle.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

[K] ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201021 160429.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Cinzia M. ha votato il racconto

Esordiente
Large foto0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20190702 wa0006  2  2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sonia A. ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large 20210409 190335.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

StefanoS ha votato il racconto

Esordiente
Large 54039c1a 4171 42af 944a d20052ca79b6.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Imago ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20210421 183135.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Camposeo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large dante.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Andrea Trofino

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee