leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

ConcorsiIL TITOLO E ALTRI RACCONTI

Tutti cuori viaggianti

Pubblicato il 01/06/2018

Ma i veri viaggiatori partono per partire e basta: cuori lievi, simili a palloncini che solo il caso muove eternamente, dicono sempre " andiamo" e non sanno perché. I loro desideri hanno le forme delle nuvole.

103 Visualizzazioni
49 Voti

La fermata sapeva di tosse e calicanto. Era il secondo giorno di un nuovo anno che era nato già stanco e sbadigliava lacrime di neve. Era da incoscienti lasciare pantofole calde e gli avanzi di un panettone indigesto da intingere nel cappuccino. Le orecchie sapevano di tappi saltati e  propositi già dimenticati. Diversi cani  erano scappati e non erano più tornati. Magari avesse perso anche lui la strada di casa.  A Davide pesava la bugia che aveva detto alla moglie. La fabbrica avrebbe riaperto solo tra una settimana e lui si era inventato un lavoro che non ci era. "Devi proprio uscire con questo tempo? Telefona e dì che non stai bene". " Non posso: devo sostituire un collega". Non aveva intenzione di mancare all'appuntamento. Da anni viveva per quei dieci minuti. Il momento più atteso era quando Bruna arrivava sotto la pensilina. Parlavano di cose distanti. Lui schiacciava la sigaretta prima di salire, poi stavano lontani fino al giorno dopo. Gli erano mancati anche i compagni di viaggio. Soprattutto Optalidon, perseguitato da un cronico mal di testa. A volte arrivava con gli occhi a bersaglio e si addormentava sul sedile. Gli davano fastidio i profumi, soprattutto quelli esotici dell'Arbre Magique. Anche Felice non era male. Era il  veterano del gruppo. Mancava ancora qualche mese alla pensione ed era già triste. Non voleva lasciare il suo posto in prima fila vicino alla guida. Sul sedile di finta pelle aveva lasciato l'impronta di tanti anni di viaggio. Conosceva a memoria i movimenti dell'autista e sognava di sostituirlo, anche solo per pochi metri. Per ora si accontentava di dare consigli. Le nuvole di fumo avevano sostituito i saluti. Gli uomini esibivano la faccia di chi si è lasciato andare. Solo Bruna sembrava buia. Aveva trascorso le feste da sola. Succede a chi sta con qualcuno che ha già qualcuno. Il nuovo solitario non era riuscito ad illuminarla. Invidiava la caffettiera da due tazze che aveva ricevuto la sorella dal marito. Gorgogliava promesse di tanti risvegli comuni. Il pullman era in ritardo e a Davide non dispiaceva. Poteva finire la sigaretta e rubare ancora qualche sguardo: provvista preziosa per i tempi di carestia. Tra poco, con la testa ciondolante sul sedile, avrebbe inventato un film. Intanto il calicanto stordiva i loro sensi intirizziti. I piedi battevano sull'asfalto nel tentativo di rianimarsi, mentre i sospiri soffiavano sulle mani per riaccenderle. Poi, quando ormai avevano deciso che non sarebbe arrivato, Guido ce l'aveva fatta. L'autista più caratteriale della linea, temuto persino da chi aveva i documenti in regola, aveva avuto la meglio su un cielo che non era mai stato con loro. Salutato con un applauso, si era schernito ed era ripartito subito, incurante dei passeggeri che erano ancora in piedi. Davide si era ritrovato tra le braccia di Optalidon. Per un attimo aveva sperato fosse Bruna." Sedetevi e non fiatate, se non volete guai. Oggi si va dove decido io. Spegnete i cellulari e consegnatemeli, tanto non credo vi serviranno. Non avete la faccia di chi ha una vita. Vi piacciono gli Inti Illimani? Io li adoro". Nessuno aveva osato contraddirlo. Dopo chilometri di neve, note uguali e pugni alzati, qualcosa era cambiato nell'abitacolo. Felice aveva osato una sigaretta e aveva buttato il mozzicone per terra. Optalidon non aveva sofferto di emicrania. Davide era scivolato nel posto vicino a Bruna e lei non aveva detto che era occupato. Stava così bene che aveva osato chiedere a Guido, perchè indossasse il passamontagna, visto che loro lo conoscevano." Non illudetevi, non è un sequestro. Sto cercando di farmi passare la sinusite". " Dicono che il mare faccia miracoli". " Dove pensi che stia andando?" Felice era deluso. Avrebbe preferito qualcosa di più trasgressivo. Optalidon era emozionato: non aveva mai visto il mare d'inverno. Bruna aveva un unico desiderio: controllare il cellulare, ma aveva paura della risposta. Poi Guido aveva accostato il pullman e aveva detto di non sentirsi bene. " Mi gira la testa e ho la nausea. Sarebbe imprudente guidare". Lo avevano fatto stendere in fondo e Felice aveva preso il suo posto. Mancavano pochi metri. Ce la poteva fare. " Adesso che non ci sente posso dire una cosa? A me gli Inti Illimani hanno sempre messo tristezza". Avevano brindato con un thermos di caffè freddo al loro primo ammutinamento, prima di giungere a un mare che sembrava li stesse aspettando. Felice aveva posteggiato il pullman vicino alle onde e al loro odore di buono." Andiamo a chiamare Guido. Siamo venuti per lui". Lo avevano trovato addormentato con un sorriso birichino. Davide lo aveva scosso più volte, prima dolcemente poi sempre più forte, ma non era riuscito a svegliarlo. Lo avevano accompagnato a casa senza avere il tempo di toccare il mare. Seduto vicino a Davide sembrava uno di loro. Felice guidava piano, coi pantaloni rimboccati, per evitare scossoni. " Cantiamo qualcosa, a lui piacerebbe". " Portami al mare, fammi sognare e dimmi che non vuoi morire".

Logo
4997 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (49 voti)
Esordiente
49
Scrittore
0
Autore
0
Ospite Belleville
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 6287.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

LOU ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large default

marta moraschi ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Stella ha votato il racconto

Esordiente
Large default

cutsoready ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Antonino Catalano ha votato il racconto

Esordiente
Large default

ROMOLO ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Madamadore' ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Matteo Zerbi ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anna Viscomi ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Angelo Lanzarotti ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Salvatore Russo ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Russo Francesco Saverio ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Anonimo ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Lady Be ha votato il racconto

Esordiente

Complimenti Tella. Per le emozioni che ci regali, e per quello che, leggendoti, scopriamo di noi. Ci sentiamo un po' tutti cuori viaggianti.Segnala il commento

Large default

Dem74 ha votato il racconto

Esordiente

Un pezzo affascinante e delicato.E in un certo senso magico.Segnala il commento

Large default

Walter Ferrari ha votato il racconto

Esordiente

Stupendo come al solito. Non hai il tempo di fermarti.....ma devi proseguire. Complimenti!!!!!Segnala il commento

Large default

Celine B. ha votato il racconto

Esordiente

Ogni parola è una nuova fermata che raccoglie l’intensità dell’emozioni semplici, quelle che sanno di buono, da pancia che tremaSegnala il commento

Large default

eliodelorenzis ha votato il racconto

Esordiente
Large default

DinaGatto ha votato il racconto

Esordiente
Large default

alessandro.tozz ha votato il racconto

Esordiente
Large default

sidewinder ha votato il racconto

Esordiente
Large aef1279e 3569 4d57 bd84 489222bbd0ab.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Roberta Spagnoli ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20170602 wa0005.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Danilo ha votato il racconto

Esordiente
Large fb img 1455357798620.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Hollyy ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Valentina.delorenzis ha votato il racconto

Esordiente
Large default

fquaroni ha votato il racconto

Esordiente

In un racconto breve ha saputo narrare tante storie e creare un'atmosfera unica e coinvolgente. Ottimo!Segnala il commento

Large default

Irenedelorenzis ha votato il racconto

Esordiente
Large default

ste_cco ha votato il racconto

Esordiente
Large default

giumer1972 ha votato il racconto

Esordiente

Frasi brevi e concise ma taglienti come rasoi o dolci come il miele. Bravissima Donata.Segnala il commento

Large default

Elysa ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large large australia.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Paolo Fiorito ha votato il racconto

Esordiente
Large default

romy ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Gabriele de Lorenzis ha votato il racconto

Esordiente

Racconto delicatissimo ,pieno di suggestioni Segnala il commento

Large default

Paolaghielmetti ha votato il racconto

Esordiente
Large default

bopa ha votato il racconto

Esordiente
Large default

cristinaghielmetti ha votato il racconto

Esordiente

Ho sentito l'odore delle vite dei tuoi cuori viaggiantiSegnala il commento

Large default

Maria Rosa ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Cate90Didi ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Lorenza Maffini Ranghetti ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Dodi ha votato il racconto

Esordiente
Large default

marialuisaneri ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Clara Rosasco ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Pier Giuseppe Politi ha votato il racconto

Esordiente
Large default

rosadagian ha votato il racconto

Esordiente
Large default

44fiori ha votato il racconto

Esordiente
Large default

rosi ha votato il racconto

Esordiente

Racconto struggente . Evoca ricordi ed emozioni che fanno parte della nostra vita con estrema delicatezza.Segnala il commento

Large default

Ilaria ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

Rosella Cotta Ramusino ha votato il racconto

Esordiente
Large default

di Tella

Esordiente