Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Horror

Una gran sete

Pubblicato il 07/04/2021

57 Visualizzazioni
13 Voti

Sto tentando di agganciare al Bar Impetuoso una bionda puttanella niente male. Sembra un po’ su di giri, ma non beve abbastanza: finge solo di essere sbronza. Viene a cercarmi, come fanno tutte, e mi dice che ha vent’anni. - Oh-oh - le faccio. - Certo. Sembri davvero giovane, - anche se so che non può averne più di sedici, forse addirittura quindici. La cosa mi eccita soprattutto in prospettiva. La guardo un attimo e le lancio un occhiolino ed un sorriso, guardo poi la strada e mi concentro sulla scia bianca, accendo l’auto e metto su un vecchio pezzo di Brian Ferry. Canticchia scuotendo la testa e guardando con aria ingenua la strada che brucio con il mio BMW lucido e nero, la guardo e sorrido con la bocca spalancata simulando un urlo, faccio una sterzata brusca ad un incrocio inizio ad avere sempre più voglia di bere qualcosa e voglia di lei, inizio a cantare anch’io mentre guido come un pazzo e canto a squarcia gola, lei sembra divertita e come una bambina inizia anche a muoversi sul sedile cercando di ballare seduta. Le butto una mano su una coscia e la stringo forte, ha la pelle morbida e liscia, la muovo più in alto cercando di accarezzarla il più possibile vicino alla passera. Lei continua a muoversi a ritmo della musica. - Uuuahhhuu! - urla - Questa macchina è una bombaaaaa! - Devi essere pieno di soldiii! - La guardo un attimo e sorrido, torno a guardare la strada e premo sull’acceleratore, muovo la mano verso il suo sesso, voglioso. Indossa un gonnellino cortissimo in stile scozzese ma non a quadretti, è scuro e ondeggia. Con la mano sento le sue calze sotto i polpastrelli, sono lisce, sembra seta, avrei preferito sentire la sua pelle nuda e bagnata di leggero sudore. Inizia a venirmi proprio l’acquolina, mi lecco le labbra, ho proprio sete, tantissima, devo bere assolutamente. Ci fermiamo davanti ad un appartamento preso apposta da quelle parti qualche sera prima, scende prima lei sculettando. Ha le treccine stile Lolita ma sono castano-biondo con un fiocco azzurro. Mi sale la voglia. Andiamo insieme al piano di sopra e appena arrivati va un attimo in bagno a mettersi comoda. - Mi aspetti un attimo, vero piccolo? -mi fa, - Ma certo tesoro! -faccio io.

Mi guarda facendo l’occhiolino e io dico - Ok! - e faccio uno schiocco con la bocca simulando un bacio. Nel mentre che lei si prepara in bagno ne approfitto per togliermi i vestiti e stendermi nudo sul letto. Completamente svestito inizio a sfiorarmelo ed ho un’erezione pazzesca, non resisto più ho bisogno di togliermi questa voglia pazzesca. Non mi era mai capitata prima una così, ha la pelle morbida e bianca come una statua, gli occhi che sembrano due fanali che illuminano le corsie della strada di notte, un culo da urlo. Le lascio in anticipo un centone sul comodino sotto la lampada che illumina le chiavi della macchina. Ed eccola che esce completamente svestita, lenta si avvicina con i suoi capezzoli morbidi e tesi giusto verso di me, le gambe che non finiscono mai, il suo sesso depilato luccica ai pochi riflessi di luce rimasti nella notte. Si lascia andare piano sul letto ed io le salgo subito sopra con la voglia di penetrarla fino in fondo, la travolgo mentre la guardo dritta negli occhi con le braccia tese sul letto, e poi la prendo brutalmente, inizio a penetrarla forte digrignando i denti, la vedo che inizia a godere tantissimo stende le braccia a mo’ di croce ed io la pugnalo con il mio membro, vedo le vene del suo collo tirarsi e gonfiarsi, le passo le mani dietro al collo e inizio a stringere prima piano e poi sempre più forte fino a quando non le resta che un filo di fiato che le esce dalla bocca a forma di cuore allora le poso la mia sul petto e salgo lungo il collo e le infilo i denti mordendola violentemente fino in fondo alla carne. Finalmente riesco a dissetarmi mentre tutto il suo sangue si riversa su di me, i suoi occhi si girano verso l’alto mostrando solo il bianco degli occhi. La tracanno fino all’ultima goccia, i suoi occhi si girano verso l'alto mostrando solo il bianco della pupilla finisco per sventrarla completamente. Sulle pareti schizza sangue rosso e alcune gocce finiscono anche sul centone. Poi finalmente vengo, mi alzo e mi pulisco la bocca, vado in bagno, mi lavo sotto la doccia, la scia rossa mi cola lungo le gambe. 

Lei giace morta e bianca sul letto con la testa rovesciata da un lato e i capelli che cadono sul pavimento. 

- Non mi ero mai fatto una bevuta così, domani mi sveglierò col mal di testa. - sibilo tra me e me. Mi rivesto in fretta e tolgo il disturbo, scappo via, salgo sull’auto e premo forte sull’acceleratore. Alla radio mettono la scontatissima Sunday Bloody Sunday. Mi guardo i canini allo specchietto e li lucido con la punta della lingua.

Logo
4735 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (13 voti)
Esordiente
9
Scrittore
4
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large forrestgump.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Jean per Jean ha votato il racconto

Scrittore
Large ezzz 101133975 10219956522376982 9067593985345716224 o.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ezio Falcomer ha votato il racconto

Scrittore
Large cuore mano.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Italo ha votato il racconto

Scrittore

Una normale bevuta di rosso distillato, il sesso è permesso senza limiti. Ma troppo sangue lo sporca :-) Ben scritto e descritto. Segnala il commento

Large 20210427 022249.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Truculento, splatter e inutilmente esplicito, ma l horror è un altra cosa, secondo me. Segnala il commento

Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1919.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

ben scritto . Aldilà della “storia” che fa davvero paura Segnala il commento

Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large foto0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200126 162413.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Mauro Scremin ha votato il racconto

Esordiente
Aatxajxbmwx0t vape40mgr7hl yzley y2gc2xcsl2a=s50 mo?sz=200

Isabella☆ ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

Io avrei ascoltato i Blue Oyster Cult: (don't fear) the rapper...:-)Segnala il commento

Large img 20210421 183135.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Laura Camposeo ha votato il racconto

Esordiente
Editor
Large dante.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Andrea Trofino

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee