Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Horror

Una lettera misteriosa

Pubblicato il 24/03/2021

Tutto ebbe inizio con l'arrivo di quella lettera e un biglietto per una nave. Non si aspettava un'avventura del genere, nemmeno di tornare a casa, ma era tornato solo per poter scrivere quello che era successo...

14 Visualizzazioni
5 Voti

Caro Max,

Non avrei mai pensato di poter essere di ritorno, in grado di raccontarti gli orrori di cui sono stato protagonista. 

Non mi riconosceresti più, amico mio, il trentenne partito qualche mese fa ora pare un vecchio; mi resta poco da vivere e voglio lasciare a te la mia storia, per evitare che altri possano cadere vittime di quel mostro.

Lo scorso giugno, come sai, ricevetti una lettera da un prozio dato disperso in Sudamerica da lungo tempo. 

In realtà, invece, pare sia vissuto molti anni presso una misteriosa tribù amazzonica di sciamani, un gruppo ancora ignoto al mondo intero.

Nella lettera lui, ormai vicino alla fine, sosteneva di aver visto tali e tanti orrori che, dopo essere fortunosamente fuggito da quegli aborigeni, voleva narrare quanto sapeva per avvisare il mondo di un grande pericolo.

C'era anche un biglietto per un viaggio in nave quindi partii, pensando che sfruttare una crociera omaggio, per dare conforto agli ultimi giorni di un vecchio pazzo, non fosse poi tanto male.

Ebbene, non era pazzo per nulla, quello era stato un trucco per attirarmi laggiù.

Una volta giunto al villaggio indicato nella lettera fui accolto festosamente, ma la bevanda che mi fu offerta era drogata. 

Mi svegliai legato a un palo, in mezzo alla foresta e, di fronte a me, vidi un giovane di etnia bianca, sulla ventina, con l'abbigliamento indigeno e i capelli lunghi; riconobbi in lui il mio prozio dalle foto viste dai nonni.

«Zio Fred?»

Lui rise, un riso beffardo e agghiacciante; aveva gli occhi allucinati, sotto effetto di chissà quali droghe.

Puntò un dito verso di me e sentii un dolore lancinante alla testa, come se mi stessero trapanando il cervello. Poi sentii stilettate al petto e, quando il sangue iniziò a uscire copioso, dalle ferite inferte da una lama invisibile, svenni.

Quando ripresi conoscenza i membri della tribù mi circondarono, a turno strapparono un brandello della mia camicia insanguinata e succhiarono il sangue che la impregnava.

Lui aveva in mano una ciotola ricolma di liquido carminio, era il mio sangue?

Bevve fino all'ultima goccia, poi mi spiegò.

«Costoro mi hanno salvato dal fiume e, grazie alle mie conoscenze, scelto come sovrano. Gli anziani mi svelarono il segreto dell'eterna giovinezza e, da allora, non sono più invecchiato. Nulla di personale nipote, sto solo mettendo in pratica i loro insegnamenti. Da anni mi nutro, ci nutriamo tutti, del sangue e del cervello dei giovani che, per loro sfortuna, capitano da queste parti, ma sono quasi tutti di origine ispanica e indio. Per fermare definitivamente il mio invecchiamento e divenire immortale, serve sangue della mia razza; quindi ho studiato un piano. Sto inviando lettere ai parenti, ai loro figli e nipoti, raccontando storie come quella che ti ha fatto giungere qui. Ci cascano tutti. Dal momento che tu sei stato il primo a cogliere il mio appello, ho deciso che non avrei divorato il tuo cervello, ma mi sarei limitato ad assorbirne l'essenza. Inoltre, come ultimo dono, ti concedo di tornare a morire a casa, dove nessuno ti riconoscerà e, se racconterai la tua vicenda, ti prenderanno per matto.»

Mi obbligarono a bere una brodaglia disgustosa,poi mi risvegliai in un ospedale. Tentai di spiegare quanto mi era successo, ma non mi capivano; venne un interprete, ma scosse il capo ridendo. Nessuno mi credette. Ne compresi il motivo vedendo il mio riflesso in un vetro, mi avevano rubato la giovinezza, ero diventato un vecchio decrepito.

Non mi resta molto tempo, ti lascio... le forze mi abbandonano... avvisa... tutti.

Logo
3526 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (5 voti)
Esordiente
3
Scrittore
2
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 2435.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large default

gionadiporto ha votato il racconto

Scrittore
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large 20200509 144917.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Lola 2021 ha votato il racconto

Esordiente

Alcuni passaggi fanno venire i brividi. Segnala il commento

Large 49199479 758130297888306 1334725198208827392 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large monella.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di ChiaraScarafiotti

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee