Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Venezia 2089

Pubblicato il 18/02/2021

Nel 2089 Venezia ha ormai risolto il problema dell’acqua alta con mura sottomarine. La laguna è una distesa d’acqua dolce, ma i suoi abitanti più anziani faticano ad abituarcisi.

61 Visualizzazioni
20 Voti

«Coverzite, bambìn. E mettite 'i stivai».

La nonna non sa che Venezia è salva ormai da una ventina d’anni. Forse lo sapeva quando hanno chiuso la laguna, perché all’epoca aveva ancora gli occhi scuri, ma ora no. Si mette alla finestra, i capelli lunghi a sfiorare l’orlo del poggiolo, e annusa l’aria come un gatto, col collo dritto.

«Oggi ghe xe acquaalta.»

Vorrei rassicurarla. No, nonna, non c’è acqua alta, non ci sarà mai più, la laguna è chiusa. Non ti accorgi che i cefali si tengono fuori dalle mura subacquee, che le sirene non suonano più i loro cinque toni? Persino i cormorani brillano meno, senza tutto quel salso sulle penne.

Però non lo faccio. Le appoggio una mano sul polso e le vene guizzano via sotto le mie dita. Lei continua a non guardarmi. Con la vecchiaia gli occhi le sono diventati chiari e ciechi, e ora sono fissi sulla laguna.

«Coverzite. E mettite 'i stivai.»

«Sì, nonna.»


Dentro a uno sgabuzzino, tra la lavatrice e un cestello crepato per la biancheria, dietro a un esercito di manici di scopa decapitati, trovo un sacchetto di plastica che scrocchia sotto alle dita. Dentro ci sono un paio di stivali di gomma, alti, col corpo verde fango. Sanno di ammorbidente e di polvere, lo stesso odore dello sgabuzzino, e me lo porto in giro anche dopo averli infilati e averci fatto qualche passo.

Probabilmente la nonna lo sente, perché sorride.

«Ti i g'ha trovai?»

«Sì.»

«Bravo. Ti 'o senti o scirocco? Ancuo xe alta. Mai così alta.»

Sorride di nuovo, anche le sue gengive sono chiare.

«Ma tanto g'avemo gli stivai. El mar no ci fa niente. Va a tor el pan e dime quanto alta che ea xe. Non ci fermiamo mica, sa', ghe vol ben altro.»


Sì, Venezia è salva. La gente cammina dentro le calli all’asciutto, al sicuro. I marmi bianchi dei palazzi brillano intonsi, gli scuri verdi alle finestre sembrano verniciati di fresco, ma è solo un’impressione: ormai è una città eterna, non serve ridipingere più nulla.

Sono rimasti pochi panifici. Vendono ancora spumiglie, baicoli, qualche bussolà, ma di pane ne vedo poco. Nelle cestine di plastica c’è un’ultima rosetta, ormai un po’ secca. La commessa mi fissa i piedi, la pinza col panino sospesa sopra il sacchetto di carta per qualche istante di troppo. Turisti, starà pensando.

Esco. Devo essere stato l’ultimo cliente, perché nell’acqua del rivo di fronte a me la luce sparisce con un click, mentre alle mie spalle si abbassa la serranda. Le commesse si salutano ridendo, alle cinque di nuovo qui, eh.

Appoggio il sacchetto con la mia rosetta sulla balaustra di marmo. Ci sono dei gradini che scendono nel canale, scivolosi di alghe brune e verdi. È da lì che mi immergo fino al ginocchio, prima con una gamba, poi con l’altra. Freddo. È l’acqua che mi si insinua tra le dita, penetrando i calzini e avvolgendo i pantaloni in una stretta bagnata: il tempo deve aver bucato la plastica.

Rimango fermo per qualche secondo: guardo le luci dei lampioni scaldarsi e illuminare la sera, come se anche la notte, oltre al mare, dovesse essere bandita per sempre.


«Ti ghe g'ha messo un sacco. Ghe g'era tanta gente?»

«Non troppa. Ho dovuto allungare la strada.»

«Ti g'avevi gli stivai?»

«Sì, ma mi sono inzuppato lo stesso. Mai vista acqua tanto alta dal 2019. Per fortuna mi avevi avvisato, le sirene devono essersi rotte».

Le porgo gli stivali zuppi e lei se li poggia in grembo. Gocce di fango rotolano sulla lana della sua gonna, ma so che non le importa. Li solleva con cautela, tenendoli come fossero un gattino, e se li porta al volto. Il lungo naso li studia, gli occhi azzurri e ciechi nascosti dalle palpebre.

Dalla finestra aperta entra lo scirocco e, lontano nel tempo, l’odore del mare. 

Logo
3648 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (20 voti)
Esordiente
15
Scrittore
5
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large on the road.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

omALE ha votato il racconto

Esordiente

L' odore del mare lo puoi ascoltare, lo puoi toccareSegnala il commento

Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Scrittore

Che delicatezza! Complimenti e benvenuta.Segnala il commento

Large 10407628 10153280480267839 8270592823095192652 n.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

NicolaDimo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200826 180718.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Roberta ha votato il racconto

Esordiente

un mondo inventato per tenere viva la nostalgia.Segnala il commento

Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large 20210114 141221.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente
Large 20201021 160429.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Cinzia M. ha votato il racconto

Esordiente
Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Esordiente

Bel racconto. Benvenuta in Typee.Segnala il commento

Large img 1919.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente
Large b81b29c5 b29b 4178 97a4 60ea34c566c9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Un racconto poetico e un po’ amaro con piccoli dettagli preziosi. Molto bello.Segnala il commento

Large img 2813.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Katzanzakis ha votato il racconto

Scrittore

Eh si, ci stiamo lasciando alle spalle, con i ricordi, un brulicare di vita e di emozioni che un tempo ci scompigliavano occhi e ciglia ed oggi sembrano spifferi a stento avvertiti. Non resta che aggrapparsi alla cecità per ritrovare le emozioni di un tempo. Avendo vissuto per tre anni a Venezia negli anni sessanta, so cosa abbiamo perso, già oggi. Bellissimo racconto, commovente e significativo.Segnala il commento

Photo

Andrea S. ha votato il racconto

Esordiente
Large poster chiave di violino astratta.jpg.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Dario Gallo ha votato il racconto

Esordiente
Large img 1431.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Scrittore

Ben approdata su Typee (è il caso di dire), con un racconto avvolgente, poetico e onirico e un bel mix tra italiano e dialettoSegnala il commento

Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large foto0001.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente
Large mario smokers.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

emmebelloc ha votato il racconto

Esordiente
Large a092e74d 611c 4e6a 9356 7c4d562366b4.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

michela centioni ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20190702 wa0006  2  2.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Sonia A. ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore

Bello Segnala il commento

Large f80d1362 4eca 4e3b bcab d1550bc24e14.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di AliceBoscariol

Esordiente
Bellevilletypee logo typee typee
Lascuola logo typee
Bellevillefree logo typee
Bellevillework logo typee
Bellevillenews logo typee