Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Verdugo

Pubblicato il 22/05/2020

La storia, raccontata da chi l'ha subita.

23 Visualizzazioni
15 Voti

Me llaman el verdugo

y soy un hombre solo

con estas manos limpias

que huelen a dolor

pasé toda mi vida

entre sombras y gritos

sin conocer piedad

sin conocer amor

Mi chiamano “Verdugo” e sono un uomo solo, con queste mani pulite che puzzano di dolore.

Ho passato la mia vita tra ombre e grida, senza conoscere pietà, senza conoscere amore.

L’esercito mi è stato padre e madre, padrone e puttana.

A quindici anni mi hanno messo una divisa; “almeno mangerai” disse mia madre, e ho mangiato.

Mi hanno mandato in cordillera, a stanare indios, e io avevo la faccia da indio.

Gli altri si lamentavano, mi insultavano e mi mandavano sempre avanti a tutti, a schivare le loro stesse pallottole.

Poi, una volta, il sergente mi ha detto:

“Indio, lo vedi quel prigioniero? Tagliagli i coglioni e portameli.”

L’ho fatto.

Il sergente ha preso i coglioni ancora caldi e mostrandoli ha detto a tutti:

“Questo qui ha la faccia da indio, ma ha le palle da argentino!”

Non l’ho capito subito, ma mi ha salvato la vita.

Allora mi hanno mandato a scuola, a scuola di canto, dicevano.

Mi hanno insegnato i numeri, le lettere, le tecniche ed i trucchi.

E ho imparato, a far cantare tutti.

Ero padrone dell’acqua e del fuoco, del ferro e dell’elettricità.

Mi hanno buttato in una cantina e mi hanno messo sotto.

Mi portavano i pezzi a tutte le ore del giorno e della notte. Ogni settimana, ogni mese.

Io eseguivo, applicavo quello che mi avevano insegnato.

Poi mi annoiavo e ho cominciato ad inventare.

Per scherzo mi hanno messo il nome, e invitavano anche i generali a vedere quanto ero bravo.

Mi guardavano e ridevano, bevendo. Bevendo tanto.

Così l'orrore nei loro occhi veniva nascosto dal coraggio dell’alcol, insieme al tremore.

Poi, una notte, mi hanno portato uno dei loro.

Gridava come gli altri.

Il nome mi è rimasto, ma nessuno ci scherzava più.

Un giorno è venuto il tenente.

“Abbiamo finito” mi ha detto. “Sei stato bravo. Dimentica, noi non ci dimenticheremo di te”.

Dimenticare?

Con la pensione mi pago una stanza ed il mate.

La signora non mi ha mai fatto una domanda, ma ha letto nei miei occhi il vuoto del cane senza padrone.

Ogni tanto mi passa i suoi avanzi, me li lascia fuori dalla porta. Senza una parola.

Faccio dei lavoretti, sono bravo con l’elettricità, e mi faccio pagare poco da chi non può permettersi un elettricista vero per una casa finta,

Ho imparato a leggere di nuovo, sui giornali vecchi che trovo in queste case.

E ho letto la mia storia. La storia del verdugo, perché il mio nome non lo sa nessuno.

E ci sono andato in quella piazza, fra le tante madri ed i pochi padri; gente a cui era stato strappato il diritto di continuare a vivere nei loro figli.

E fra tutti quei capelli grigi ho capito che io ero il più vecchio e loro tutti giovani. E loro erano tutti vivi e io sono sempre stato morto.

Da quando ho visto quelle facce e quegli sguardi mi lavo le mani continuamente.

Con il sapone, l’acqua e le lacrime.

Ma quell’odore non va mai via.

Ho visto il mio comandante in strada, con la famiglia e l’aria sicura di chi sa che può sapere.

L’ho seguito sotto casa e l’ho aspettato, perché non sapevo cosa fare.

È uscito, da solo, e io sempre dietro, come un cane abbandonato che ritrova il padrone; un misto di gioia e paura.

Mi ha visto, mi ha riconosciuto, mi ha preso da parte in un vicolo.

“Brutto scemo, cosa fai?” sibilava, tremando,” Sparisci, non farti più vedere”

Mi ha gettato dei soldi.

“Meglio per te sarebbe se fossi morto, indio del cazzo!”

L’ho ucciso con le mie mani, pulite.

Perché quello so fare.

Ogni giorno leggo sui giornali la mia storia, e imparo le storie ed i nomi dei pezzi che mi sono passati tra le mani.

Ogni giorno non so cosa fare, a volte vado in piazza a sentire quello che dicono di me e degli altri, ma sento solo che dobbiamo morire all'inferno.

Ma quello l'ho già fatto.

Logo
3765 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (15 voti)
Esordiente
11
Scrittore
4
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large ctcvb sakura 2 e1489417088710.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

白い騎士 ha votato il racconto

Esordiente
Large default

esteban espiga ha votato il racconto

Scrittore
Editor
Large 20190710 115436.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Franco 58 ha votato il racconto

Esordiente

Bello ma terribile Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 03 19 at 18.06.27.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Silvia Lenzini ha votato il racconto

Esordiente

TerribileSegnala il commento

Picture?width=200&height=200&s=200&type=square&redirect=true

Paolo Santaniello ha votato il racconto

Esordiente
Large images.jpeg.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Violeta ha votato il racconto

Esordiente

Plauso al coraggio di affrontare un argomento così delicato. Non mi è chiaro se si svolge in Argentina o Chile ma non cambia. Unico appunto: la frase un indio con le palle da argentino è assai improbabile sia detta da un cileno sia da un argentino ma spiegartelo qua sarebbe troppo lungo 😊Segnala il commento

Large salvador.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Graziano ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20200326 wa0003.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Helena ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore
Large img 2435.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Barbara ha votato il racconto

Esordiente
Large foto0001.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Urbano Briganti ha votato il racconto

Esordiente

Straziante ed elegiaco. Da brividi e da rileggere spesso, per le future generazioni, ancora. Un capolavoro del tempo e del ricordoSegnala il commento

Large default

Tella ha votato il racconto

Scrittore
Large 9a5ddb17 4017 4236 a76a a5ce154aab91.jpeg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Ondina ha votato il racconto

Esordiente
Large 20200316 014434.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Sofia Nebez ha votato il racconto

Esordiente
Large default

Etis ha votato il racconto

Scrittore
Large freshpaint 5 2019.03.22 04.18.34.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

di Maurizio Melzi

Esordiente