Small cover.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Vita da gallina

Pubblicato il 31/05/2022

58 Visualizzazioni
15 Voti



Mi dicono che sono terricola, non terrestre.

Che razzolo ma non so raccogliere, che spilucco e che becchetto, insomma, senza riuscire ad addentare alcunché, e mi chiamano Franca, la gallina che arranca.

Sono una gallina, in parole povere, ma credo di essere una gallina fortunata, visto che sto qui a raccontarvi questa storia. Eh sì, perché con la mia zampa destra riesco a tenere una biro e a scriverci tutto quello che state leggendo, chè c'ho una specie di pollice opponibile, anche se la natura mi ha dotato di sole quattro dita.  

D'accordo, faccio fatica a stare in equilibrio con l'altra zampa, mentre scrivo, però mi ci sto abituando. Basta appoggiarsi al muretto dell'aia con l'ala sinistra, e ogni volta riesco a buttare giù tre o quattro parole, prima di dover fare una pausa . Ho provato anche a scrivere con la zampa sinistra, perché di braccio sono mancina, ma la biro mi scappa sempre dalle dita, chissà perché? Gli altri animali della fattoria hanno già capito che sono un pò diverso da loro, e da tempo si sono accorti che capisco e parlo perfettamente tutte le loro lingue.

Continua a suscitare un certo scalpore, che possa fare quattro chiacchiere con Rodrigo, il tacchino, per poi passare da Johnny, un bel coniglio grigio a pelo raso, e andarmene con lui a fare un giro nei campi, a mangiare foglie di papavero.

Con Johnny parliamo sempre di erbe, lui ne conosce tantissime. È un coniglio molto colto, a modo suo. Mi ha confessato che il suo cibo preferito sono le carote selvatiche. Però bisogna sradicarle dal terreno, e questo lo mette in difficoltà. Così andiamo sempre  insieme, a cercarle; lui individua il ciuffo crespo della carota selvatica, ed io comincio a becchettare e a raschiare tutt'intorno, mentre Johnny mi aiuta scavando con le sue zampe.

"Ahh, se fossi un coniglio selvatico! Avrei le unghie molto più robuste, e ci metterei molto meno", mi dice ogni volta.


Io dovrei avere un paio di anni. Conservo il ricordo netto di quando sono

uscita dall'uovo, dopo aver rotto il guscio col becco, finchè sono riuscito a fare i primi passi, barcollanti, appoggiandomi sulle mie alucce per non cadere.

Poi da lì più nulla, finché, un bel giorno, guardando il vecchio cartello di lamiera che copriva la porta del pollaio, mi sono accorto di poterlo leggere con facilità:

"Acciughe sotto sale di prima qualità. Pesce italiano" rilessi a voce alta, e ricordo che Rodrigo, il tacchino, che stava sonnecchiando poco distante, si girò di scatto verso di me, scuotendo impaurito tutte le sue creste e i suoi bargigli.

A pensarci bene, non ho mai visto un'acciuga; immagino che sia un pesce piccolo, che nuota in branchi. Ma no ho mai visto neanche un pesce. So che non ha né zampe né

braccia, ma solo un occhio, da una parte, e una coda, dall'altra. Lo so perché era disegnata sul cartello.


Johnny nel frattempo era riuscito a scavare via tutta la terra intorno alla carota selvatica, e con un ultimo colpo di zampa l'aveva fatta cadere.

"Dai, facciamo metà per uno, che te la sei meritata."

"Va bene, Johnny" e con un colpo di becco ho diviso in due parti quasi uguali la carota.


A questo punto , vi sarete fatti un paio di domande, almeno spero, da brava gallina intelligente.

Vi sarete chiesti dove scrivo,  e quale supporto uso. Cartaceo, d'accordo, ma faccio uso di pagine sparse oppure scrivo su una su una specie di quaderno?!

Vi dirò che le pagine sciolte non vanno bene, per due motivi fondamentali:

sono di difficile reperibilità, e faccio troppa fatica a tenerle insieme. Mi scappano dappertutto mentre scrivo, ma poco tempo fa ho scoperto una sorta di registro, che giaceva impolverato in un baule senza coperchio, in fondo al pollaio. 

Le prime volte ho scritto direttamente nel baule, con una matita trovata vicino al registro, però ero scomodo, e poi c'era la polvere alta due dita, che a ogni movimento si alzava impedendomi di vedere quello che stavo scrivendo.

Allora ho chiesto aiuto a Johnny. Abbiamo unito le nostre forze, e siamo riusciti a legare una corda intorno al registro, e a tirarlo fuori,  trascinandolo fino al muretto dell'aia, dove lo abbiamo sistemato sotto a una piccola tettoia di lamiera che qualcuno aveva costruito per proteggere gli attrezzi dalle intemperie.

La biro l'ho, per così dire, "raccolta", quando è caduta dalla borsa del postino che passa ogni tanto. 

Adesso sono nel capanno, sotto la tettoia, che vi sto scrivendo questa storia quasi incredibile, e anche Johnny è qui, proprio accanto a me. Dice che vi saluta.

E se poi doveste sentirvi tratti in inganno dalle mie parole, sappiate che l'inganno è  molto maggiore quando non accettiamo la possibilità di credere a storie del tutto inventate, pretendendo di avere cose più importanti da fare, che leggere racconti di galline che parlano e scrivono.

Chissà come scriverei, se non fossi nato gallina!?





Logo
4803 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (15 voti)
Esordiente
12
Scrittore
3
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 20220509 wa0004.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Anacleto ha votato il racconto

Esordiente
Large la stradina.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Antonio M. ha votato il racconto

Esordiente
Large 195c7c5a e533 438e 9500 78317f6489ab.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

blu ha votato il racconto

Esordiente

sei troppo gallo :)Segnala il commento

Large 76e0ca22 4ac9 4d31 b240 d8aa491b4df9.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Giampiero Pancini ha votato il racconto

Scrittore

Bravo Franco, mi ci son rivisto nella difficoltà dello scrivere: un paio di parole possono sfinirti. PiaciutoSegnala il commento

Large brothersfarris.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

sinapsineuronica ha votato il racconto

Esordiente

Bravo! Sembri il nuovo George Orwell. Ti chiami Franco e lei Franca la gallina che arranca, ma certe volte sembra maschio e allora penso sia tu. Boh, questo non si capisce. Comunque che sensazione si prova ad essere gallino?... Troppo bellino!Segnala il commento

Large bbbbbb.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

. ha votato il racconto

Esordiente
Large altro mondo.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Clarissa Kirk ha votato il racconto

Esordiente

Il soggetto mi piace molto. Le galline sono animali intelligenti. Ti segnalo alcune incongruenze (secondo me). Ambientazione: non capisco bene dove si trovino gli animali. Una cascina? Una vecchia fabbrica? Le acciughe cosa c'entrano? Il femminile/maschile: in alcuni passaggi Franca parla di se stessa al femminile in altri al maschile. La carota che 'cade' : se è stata appena dissotterrata come fa a cadere? L'idea che Franca si fa dell'acciuga non coincide con l'immagine che vede, come fa a sapere che nuotano in branco? Perché alla fine dice che è una storia 'quasi' incredibile? Secondo me è incredibile senza il quasi, ed è questo il bello. Mi è piaciuto il messaggio, della 'realtà' sappiamo poco o niente. Quanto è profonda la tana del bianconiglio? ;-)Segnala il commento

Large io.png?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Coscienza fantasma ha votato il racconto

Esordiente

Ci stai sempre girando intorno, sei sempre più vicino. Incominci a spaventarmi, sembri sempre pronto a stupire ma qualcosa ancora ti frena. Comunque leggibilità ok, soggetto da applauso, trama posticcia che smina la satira sotto traccia. Bello, mi è piaciuto tutto quello che non hai scritto che sostiene la struttura del racconto. Potrebbe diventare la tua cifra narrativa, una firma. un abbraccioSegnala il commento

Large default

Candle ha votato il racconto

Esordiente
Large dada.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Davide Marchese ha votato il racconto

Scrittore

L'ho letto dun fiato e mi è volata la pausa lavorativa! Poi, pensandoci, la sua realtà alternativa latente mi ha fatto scattare un insieme di meccanismi cerebrali che... eh, sì: c'è molto di più... Segnala il commento

Aitbvmkoeqtvvrbktmrataioffzvx 2sak9nphnatha2=s96 c?sz=200

Anna Genna ha votato il racconto

Esordiente

Bella storia. La tua gallina parla con tutti gli animali del cortile tranne che con le altre galline. Forse perché di solito le galline non sono molto intelligenti? Non ho capito come funziona la valutazione, mi piace il soggetto, la trama è esile, lo stile gradevole, un po' spezzata la narrazione. ti segnalo qualche refuso.Segnala il commento

Large whatsapp image 2020 06 15 at 11.57.46.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Adriana Giotti ha votato il racconto

Scrittore

"Una fattoria degli animali" franckiana! Concordo con Antonella: c'è più di quanto sembra.Segnala il commento

Large 2707610f 03de 45d4 972b 7f6d33a43ad5.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Ondine ha votato il racconto

Esordiente

Troppo carino! È uno di quei racconti che potresti sperimentare in tantissimi modi. E dentro c’è molto di più di quel che appare in leggerezza. Divertente e tenero anche. Nel tuo stileSegnala il commento

Large 9915c599 2b93 4177 8e6c 71376ef3be6f.jpeg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Paola Zaldera ha votato il racconto

Esordiente
Large win 20210713 10 57 29 pro.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

Messina Giuseppe ha votato il racconto

Esordiente

Bella e divertente, scritta di finezzaSegnala il commento

Large 20201204 181343.jpg?googleaccessid=application bucket access@typee 222610.iam.gserviceaccount

di Franco 58

Esordiente
Underfooter typee
Underfooter lascuola
Underfooter news
Underfooter work