leggere e scrivere online
Small cover.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccountZoom cover

Narrativa

Vivere per morire

Di vita e passione - Editato da Maddalena Frangioni
Pubblicato il 19/11/2018

Può succedere e succede che la bellezza di una donna possa diventare la sua condanna invece che la sua salvezza. In questo breve testo ciò che accade è emblematico, un po' esasperato ma non impossibile in una società che esprime la propria violenza ai danni della donna.

16 Visualizzazioni
5 Voti

Irina si guarda allo specchio, si piace, è bella, glielo dicono tutti nel quartiere dove vive, qualcuno a volte esagera nei complimenti e allunga anche le mani su quel corpo giovane e dinamico. La bellezza è il suo punto di forza e per questo sente che la vita le sorride. Ha vent’anni e fino ad ora la sua vita è corsa via in modo tranquillo e lineare, ha studiato quel tanto che basta per sapere le cose più importanti, ma soprattutto si è dedicata a vivere l’amore facendo molte conoscenze con la speranza di incontrare la persona giusta per lei. E l’ha incontrata un giorno per caso quando la sua auto si è fermata in strada per un guasto. All’improvviso è comparso lui un bel ragazzo dai modi gentili che si è offerto d’aiutarla. Nel salutarsi è successo qualcosa di imprevedibile, si sono guardati negli occhi, si sono piaciuti, non si sono più lasciati e hanno formato una bella coppia. Vivere è meraviglioso, l’amore in primo piano.

Poi un giorno qualcosa cambia, la sua bellezza diventa il suo incubo. Il suo principe con modi arroganti la prende in ostaggio, e pretende ubbidienza totale in cambio di concessione della vita. Irina comincia a odiarsi, crede che lei sia la responsabile della tragedia che sta attraversando. Cerca di chiedere, di capire, nessuna spiegazione, poi un barlume sale alla sua coscienza, il principe ha bisogno della sua bellezza per gente che vaga in città senza meta alla ricerca del piacere. Il suo principe smessi i panni del buono ha indossato le vesti del duro, per convenienza, per denaro, per disprezzo della dignità dell’altro, per affermazione del potere. Capisce la malvagità dell’uomo che l’ha tradita e si rende conto di essere costretta a vivere pur morendo ogni giorno.

Logo
1721 battute
Condividi

Ti è piaciuto questo racconto? Registrati e votalo!

Vota il racconto
Totale dei voti dei lettori (5 voti)
Esordiente
5
Scrittore
0
Autore
0
Scuola
0
Belleville
0

Commenti degli utenti

Large img 20190709 175137.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Lisa Ma ha votato il racconto

Esordiente

Potrebbe essere l'incipit di un racconto. Apprezzo l'idea di fondo. Segnala il commento

Large 291786 273806129306614 239035103 nbis.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Dalcapa ha votato il racconto

Scrittore

Lo stile è buono… ma è come fosse solo l'idea di un racconto. Soggetto ottimo. Mi manca un po' la profondità.Segnala il commento

Large img 1431.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Paolo Sbolgi ha votato il racconto

Esordiente
Large immagine2.png?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

DONATO ROSSO ha votato il racconto

Esordiente
Large img 20170602 wa0005.jpg?googleaccessid=typee belleville prod@typee 162408.iam.gserviceaccount

Danilo ha votato il racconto

Esordiente
Picture?width=200&height=200&s=200&d=mm

di vita e passione

Esordiente